Uno sguardo oltre

di Luca Rendina

19 Giu 201810 Lug 2018 Mostra Bipersonale

Sarebbe facile definire questa mostra di Massimo Giordano e Lisandra Valente una ricerca di luci e ombre dove si intravede e si percepisce l’inquietudine che solo l’enigma può dare. Sono opere che fanno parte di un ciclo molto complesso, sulla pulita semplicità degli elementi e delle forme, senza orpelli. C’è spesso nelle loro foto, una sorta di piccolo fantasma che vaga come uno spirito irrequieto, aereo, fluttuante, libero nelle sue forme leggere, che sta sempre in agguato pronto a sorprenderti quando ti sembra di avere colto il senso compiuto dell’opera. Ed è lì, in questo vantaggio che dà l’immaginazione e nella capacità di penetrare attraverso le altre cose che sta il fascino seduttivo di questi lavori. Sono immagini delicate ma non fragili, che anzi, fondendo le loro diverse personalità, creano due momenti assolutamente unici, dove tensioni e dinamiche irrompono in un rapido gesto, quasi a sconvolgere la situazione emotiva creata. Due personalità e due stili diversi, uniti in questa preziosa mostra dal titolo “Uno sguardo oltre” dove poesia e bellezza vengono interpretate in modo molto diverso e personale. Indubbiamente anche le loro storie sono molto diverse, Massimo è un artista con una lunga storia fotografica alle spalle e una qualità compositiva molto personale e matura, Lisandra invece è una “giovane” artista che sta vivendo una fase evolutiva che si avverte nel cercare foto dopo foto la nota musicale che definisca e che faccia cogliere l’essenza della sua ricerca. Una mostra da sorseggiare lentamente senza fretta, dando valore al limite che si incontra oltrepassando le regole del prevedibile e lasciando che le immagini sedimentino dentro di noi e trovino la loro giusta dimensione.

Le opere


Le foto del vernissage


Il video